Come cambia la gestione della sorveglianza sanitaria nei luoghi di lavoro?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
sorveglianza-sanitaria-covid-19

La sorveglianza sanitaria, effettuata dal Medico Competente, è uno strumento di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, in ottemperanza a quanto stabilito dal D.Lgs. 81/08, ed è resa obbligatoria per alcune tipologie di lavoro.

 

Cosa è cambiato a seguito del momento di emergenza che stiamo vivendo? Quali saranno i compiti del Medico Competente?

 

Al momento solo per le aziende operanti nel settore della sanità o nel settore assistenziale domiciliare le linee regionali prevedono controlli periodici della popolazione lavorativa mediante l’esecuzione del tampone. Tale controllo entra nel protocollo di sorveglianza sanitaria e al Medico Competente viene richiesta una rivalutazione del suddetto piano con inserimento al suo interno di tale accertamento.

 

Sempre nelle aziende operanti nel settore sanitario, vista l’obbligatorietà del vaccino per tale settore, verrà richiesto al Medico Competente, alla luce della rivalutazione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) con inserimento del rischio biologico Covid-19 come un rischio lavorativo specifico, di inserire tale presidio come strumento di controllo e prevenzione dell’infezione. All’eventuale rifiuto da parte del lavoratore di sottoporsi alla vaccinazione, scatterà la temporanea non idoneità ai compiti di assistenza diretta, principio di precauzione per la salute del lavoratore e dei terzi da lui assistiti.

 

In termini generici per la totalità delle aziende, oltre ai già citati compiti di consulenza, il Medico Competente è la figura alla quale la Circolare del Ministero della Salute del 12 Aprile 2021 demanda il controllo del rispetto dell’avvenuto isolamento e negativizzazione e di seguito l’emissione della relativa certificazione per la riammissione di lavoratori positivi al covid-19 (sintomatici, asintomatici e soggetti con prolungata positività), dei lavoratori contatti stretti di positivi all’infezione e l’esecuzione di visite per il reintegro di soggetti positivi ospedalizzati a causa dell’infezione da covid 19.