Cosa sono i protocolli sanitari?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Doctor checking information in computer program before filling medical card

Il protocollo sanitario è l’insieme degli accertamenti che il medico competente svolge per effettuare la sorveglianza sanitaria dei lavoratori; ovviamente tali accertamenti sono dettati dal rischio specifico al quale quel lavoratore è esposto (rumore? Rischio chimico? Rischio biologico, movimentazione carici? Uso di videoterminale? ecc.).

 

Ne consegue che al variare dei rischi lavorativi varia il protocollo di sorveglianza sanitaria. Un lavoratore che usa il PC per un considerevole periodo settimanale avrà un periodico controllo della funzionalità visiva, un lavoratore esposto a rischio chimico avrà un controllo su organi (fegato, reni, polmoni) per valutarne il corretto funzionamento.

 

In medicina del lavoro esistono diversi tipi di visite, tra queste quelle preventive (ossia la visita che si fa prima che il lavoratore inizi a lavorare) e quella periodica (la visita che viene ripetuta con cadenza fissa, in genere annuale) anche in tal caso i protocolli sanitari possono differire tra di loro; per fare un esempio pratico un lavoratore addetto alla produzione di farmaci può effettuare in fase di visita preventiva particolari esami come la ricerca del deficit di G6FDH (nota come favismo) per accertarsi che l’esposizione a polveri dei principi farmacologici non lo esponga a crisi emolitiche. Avendo avuto un referto di assenza di tale deficit, ed essendo tale deficit su base congenita, non c’è bisogno che lo si ripeta nelle visite future.

 

Il protocollo sanitario è quindi l’insieme degli accertamenti di cui il medico del lavoro necessità per esprimere l’idoneità, mancando tali accertamenti l’idoneità a quella mansione non può essere espressa.